La Santa Messa di Chiusura dell'Anno della Fede

CENA DI RINGRAZIAMENTO - INFIORATA 2013

La sera di giovedì 14 novembre il Rettore del nostro Santuario, padre Pietro Burek, ha riunito tutti coloro che hanno collaborato alla preparazione e all’allestimento dell’”Infiorata” realizzata in occasione del Corpus Domini di quest’anno. L’incontro ha avuto inizio alle ore 18.30 nella Basilica di San Giuseppe, prima con l’adorazione del Santissimo Sacramento e poi con al preghiera del vespro insieme a tutta la comunità dei padri Micaeliti. Dopo la parte spirituale, tutti i partecipanti si sono spostati nell’auditorium del convento per vedere insieme un video che ripercorreva le varie tappe dell’Infiorata edizione 2013. preparato per l’occasione da padre Pietro. Dall’auditorium, tutti si sono poi spostati nel refettorio, per condividere una deliziosa cena “in famiglia”. Al termine della cena, il Rettore ha ringraziato i presenti per la preziosa collaborazione, dando anche alcuni spunti per l’“Infiorata” , edizione 2014.

In questa sezione del sito presentiamo alcune foto dell’Infiorata di quest’anno e informiamo che il video completo dell’Infiorata 2013 lo si può sempre rivedere nella sezione “video” di questa pagina internet.

Preghiere per i nostri cari defunti e per le anime del purgatorio

“Una lacrima per i defunti evapora, un fiore sulla tomba appassisce, una preghiera, invece, arriva fino al cuore dell'Altissimo”.

Sant’Agostino

Novembre è il mese in cui in modo particolare ricordiamo e preghiamo per i nostri cari defunti. Nel nostro Santuario preghiamo per i nostri cari defunti, per intercessione di Maria Madre nostra, recitando il Santo Rosario ogni giorno alle ore 16.30 nella Grotta della Madonna. Dalla finestra del nostro sito invitiamo tutti coloro che desiderino che dal “cuore” di questo sacro luogo, la Grotta della Madonna, si preghi per i loro defunti, di inviarcene i nomi al seguente indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Se qualcuno desidera lasciare anche un’offerta, destinata alle necessità del Santuario, può farlo liberamente cliccando sul link “Offerte al Santuario” e seguendo le disposizioni ivi contenute.

TOMASZ ROZEK ORDINATO DIACONO NELLA CATTEDRALE DI CIVITA CASTELLANA

Nella Cattedrale di Santa Maria Maggiore a Civita Castellana, domenica alle 16:30 si è tenuta una solenne Concelebrazione Eucaristica durante la quale, per l’imposizione della mani e la preghiera consacratoria di S.E.R. Mons. Romano Rossi, sono stati ordinati diaconi Roger Bizimana, Paolo Marsala, Alessandro Profili e Tomasz Rozek. La Santa Messa è stata concelebrata da numerosi sacerdoti diocesani e micaeliti: il superiore della vice provincia italo-elvetica p. Bogdan Kalistan, padre Pietro Burek, Rettore del nostro Santuario, p. Janusz Konopacki parroco a Nepi e dal Rettore del Seminario di Fiesole, Don Gabriele Bandini.

La numerosa folla presente in Cattedrale ha vissuto momenti di grande commozione e di grande gioia. In particolare, negli ordinandi presenti anche sentimenti di piccolezza e, al tempo stesso, come diceva il nostro Vescovo Romano, di grande fiducia e abbandono. Per la Chiesa, è un dono grande il dono di un diacono e domenica 27 ottobre la Chiesa ha fatto festa, accogliendo e salutando con letizia quattro nuovi diaconi: un tesoro immenso!

Monsignor Romano ha sottolineato più volte e con forza, all’inizio della celebrazione e poi nella sua omelia, il tema della “piccolezza”, dicendo con voce ferma che è un povero illuso chi pensi di mandare avanti questa Chiesa, perché “questa Chiesa la manda avanti il Signore!”

Il nostro Vescovo ha esortato tutti all’umiltà, tracciando la fisionomia del diacono con parole forti e incisive:” il diacono, il presbitero e il vescovo non sono chiamati a stare sull’altare per esibirsi, ma per servire; non sono chiamati al loro ministero per vendere meglio se stessi, per trovare un ruolo qualunque ma per consumare la vita”. Partendo dalle Letture appena proclamate, Monsignor Romano ha poi sottolineato che il cuore del Vangelo del giorno era proprio nella preghiera del pubblicano : “Dio mio, abbi pietà di me, peccatore”, una preghiera che è la sintesi del Vangelo e dell’atto di fede. Così si è espresso:“Abbi pietà vuol dire : riversa propizio il sangue del Figlio su di me. Dietro questo verbo abbi pietà non c’è solo il rituale ebraico del sacrificio, del propiziatorio, dove il sangue rendeva presente Dio, dove Dio si rendeva presente nel segno del sangue, vita per vita. Ma soprattutto è l’opera di Gesù Cristo: Lui è propiziazione, Lui è pietà…..Dio non ci dà la sua salvezza per umiliarci ma si umilia per esaltarci, è Lui che si è umiliato per esaltarci!...carissimi questa frase è l’annuncio pasquale!”

Leggi tutto: TOMASZ ROZEK ORDINATO DIACONO NELLA CATTEDRALE DI CIVITA CASTELLANA

2098986
Today
Yesterday
This Week
This Month
1385
1340
2725
19775