I Domenica di Avvento 2019

Il 13 maggio 2019, nel giorno in cui la Chiesa fa memoria della Madonna di Fatima presso l’Altare della Cattedra, nella Basilica di San Pietro in Vaticano, ha avuto luogo l’ordinazione episcopale di Monsignor Tymon Tytus Chmielecki, ora Nunzio Apostolico in Guinea e Mali. Poi, il 16 giugno abbiamo ospitato nel Santuario con molta gioia il Segretario di Stato, Card. Pietro Parolin, il nostro vescovo Romano e l’arcivescovo Tymon Tytus.

Il Signore ha proprio voluto che all’inizio del Tempo di Avvento di quest’anno, sia Lei, ha detto il rettore del Santuario, rivolgendosi al Mons. Tymon Tytus, a presiedere questa Concelebrazione Eucaristica. Per questo motivo, La ringrazio e desidero esprimerLe pubblicamente tutta la mia stima e la mia gratitudine perché, nonostante sia venuto in Europa per pochi giorni, dividendosi tra Polonia e Italia, ha voluto lo stesso trovare il tempo per venirci a visitare.

Questo fatto è per noi un’ulteriore prova che Lei ci vuole bene e che ritorna volentieri nel luogo in cui è venuto a esercitare per tanti anni il suo ministero sacerdotale. Possiamo pensare che Lei sia venuto nuovamente qui innanzitutto per affidare il suo ministero alla Madonna Santissima ad Rupes, ma anche perché in questo luogo trova sempre tante persone che Le vogliono bene e che Le sono grate per la sua testimonianza di vita e per il suo ministero sacerdotale.

Da parte nostra, promettiamo di pregare sempre per Lei, perché il ruolo di Nunzio apostolico non è certamente facile, e preghiamo il buon Dio affinché Lei possa far conoscere in Guinea e Mali il Vangelo di Cristo e tutte le iniziative di pace intraprese dalla Chiesa e da Papa Francesco.

Rorate Caeli 2019

Festa dell'Immacolata Concezione 2019.jpg

Celebrazione in onore di Santa Faustiona [Manifesto]

Gruppo San Michele 2019-2020

Ottobre mese del Santo Rosario - 2019

La bellezza di essere di Dio

In un mondo di superficialità, in cui si cerca il piacere per il piacere e l’edonismo capriccioso, in un mondo dove i ragazzi sono distratti continuamente da mille tentazioni e provocazioni, se un giovane sceglie pubblicamente dinanzi alla Chiesa di volere Gesù come unico bene della sua vita, non si può non gioire, non si può non sperimentare l’esultanza dello spirito»: un piccolo passaggio dell’omelia di Mons. Pasquale Mainolfi che ben sintetizza il clima “vocazionale” e di gioia che ha caratterizzato il quarto giorno della novena.

Domenica 22 settembre 2019, infatti, i novizi Felice Piemontese ed Emanuele Marino hanno emesso per la prima volta i voti religiosi; accanto a loro i due seminaristi, Pier Paolo Latini e Jarek Lechocinski li hanno rinnovati: dinanzi a P. Raffaele Gadek, i giovani micheliti hanno espresso il desiderio e l’intenzione di affidare la propria vita a Dio nel servizio della Chiesa e della Congregazione di San Michele Arcangelo, promettendo, ai piedi dell’Angelico Patrono, di osservare i voti di povertà, castità e obbedienza.

Una celebrazione davvero toccante, in cui vibrante è stata l’emozione dei consacrati e dei loro genitori e parenti: «Rendiamo grazie per la grandezza di Dio, che si è abbassato su di voi, e per la bellezza del “sì” che, come Maria, Madre di tutti i consacrati, voi avete detto dinanzi al Signore», ha ancora aggiunto il predicatore.
    Al termine della Santa Messa, animata dalla Parrocchia “Sacro Cuore di Gesù” di Monte Sant’Angelo – in cui novizio Felice ha vissuto e ha scoperto la propria vocazione – il neo eletto Superiore provinciale ha confidato di sentirsi anch’egli un “novizio” e di aver tremato «come una foglia davanti al mistero di Dio accogliendo ciò che Lui ha dato a voi: la grazia di essere suoi».

Grande la partecipazione di fedeli che, assieme ai numerosi sacerdoti Micheliti e ai parroci di Monte Sant’Angelo, hanno fatto da corona a questo speciale momento da tutti inteso e auspicato come un primo passo del cammino che porterà questi ragazzi a ricevere il sigillo sacerdotale.

12 settembre 2019

Oggi si festeggia presso il Santuario di Castel Sant’Elia,  la Patrona della Diocesi di Civita Castellana, Maria Santissima “ad Rupes”. Alla solenne concelebrazione nella Basilica di San Giuseppe, hanno partecipato un elevato numero di sacerdoti, tra i quali il neo Superiore Provinciale della Provincia italo-svizzera della Congregazione di San Michele Arcangelo Padre Raffaele Gadek.

Sua Ecc. Rev.ma Mons. Romano Rossi ha benedetto e ha incensato l’effigie miracolosa della Vergine Maria e guidato la processione per le vie di Castel Sant’Elia. Quest’anno, è stata realizzata la nuova struttura lignea della macchina, trasportata a spalla tra le vie cittadine dagli aderenti alle Confraternite dei Santi Protettori - San Anastasio e San Nonnoso - e quella della Madonna di Loreto. Il corpo bandistico musicale di Castel Sant’Elia ha eseguito brani musicali di accompagnamento.

È stata l’omelia del Vescovo della Diocesi Mons. Romano Rossi, a offrire ai fedeli intervenuti spunti di riflessione sulla solenne celebrazione.

Cosa vuol dire festeggiare il santo nome di Maria? Festeggiamo la relazione, il nome è relazione. Riscopriamo la relazione con un Dio che chiama per nome.  Anche all’altare tra gli sposi, ci si chiama per nome. Il nome è una chiamata.  Noi ci sentiamo chiamati? La relazione con Maria fa la differenza. Impariamo a riconoscere quella voce che ti chiama per nome. La fede è una storia con una chiamata ed una risposta. Quanti di noi imbarazzati davanti a Maria chiediamo una relazione, un incontro, una risposta ad una promessa, uno scambio di sguardi?  Vivo la relazione con uno scambio bilaterale? Come faccio a scoprire se Dio mi chiama? Si percepisce questa voce? Diventare cristiani significa imparare a riscoprire quella voce che tra tutte le voci ti vuole per sè.”

Un particolare ringraziamento, è stato elargito dal Vescovo ai presenti sindaci e alla sezione civitonica dell’UNITALSI ed ai sacerdoti intervenuti in maniera massiccia.

A conclusione, il rettore del Santuario Padre Stanislao Zurad ha espresso la sua profonda gratitudine per la partecipazione a tutti i presenti, nessuno escluso a questo importante appuntamento religioso per tutta la Diocesi.

3244338
Today
Yesterday
This Week
This Month
664
590
3512
15939

EUR