Via Crucis - celebriamo insieme la passione del Signore

Novena Al Beato Bronislao Markiewicz - 21-29 Gennaio 2020

Presepe artistico nel Santuario Maria Ss.ma ad Rupes

Il presepeè una rappresentazione ricca di simboli. Alcuni di questi provengono direttamente dal racconto evangelico. Sono riconducibili al racconto di Luca la mangiatoia, l’adorazione dei pastori e la presenza di angeli nel cielo. Altri elementi appartengono ad una iconografia propria dell’arte sacra: Maria ha un manto azzurro che simboleggia il cielo, San Giuseppe ha in genere un manto dai toni dimessi a rappresentare l’umiltà.

Molti particolari scenografici nei personaggi e nelle ambientazioni del presepe traggono inoltre ispirazione dai Vangeli apocrifi e da altre tradizioni. Il bue e l’asinello, ad esempio, simboli immancabili di ogni presepe, derivano dal cosiddetto protovangelo di Giacomo e da un’antica profezia di Isaia che scrive “Il bue ha riconosciuto il suo proprietario e l'asino la greppia del suo padrone”.

Anche la stalla o la grotta in cui nacque il Messia non compare nei Vangeli canonici: sebbene Luca citi i pastori e la mangiatoia, nessuno dei quattro evangelisti parla esplicitamente di una grotta o di una stalla. In ogni caso a Betlemme la Basilica della Natività sorge intorno a quella che è indicata dalla tradizione come la grotta ove nacque Cristo e anche quest’informazione si trova nei Vangeli apocrifi.

I Magi invece derivano dal Vangelo di Matteo e dal Vangelo armeno dell’infanzia. In particolare, quest’ultimo fornisce informazioni sul numero e il nome di questi sapienti orientali: il vangelo in questione fa i nomi di tre sacerdoti persiani: Melkon (Melchiorre), Gaspar (Gaspare) e Balthasar (Baldassarre), anche se non manca chi vede in essi un persiano (recante in dono oro), un arabo meridionale (recante l'incenso) e un etiope (recante la mirra). Così i re magi entrarono nel presepe, sia incarnando le ambientazioni esotiche sia come simbolo delle tre popolazioni del mondo allora conosciuto, ovvero Europa, Asia e Africa.

Annuale incontro dei confratelli della Provincia italo – svizzera [26-28 dicembre 2019]

Nei giorni compresi tra il 26-28 dicembre 2019, ha avuto luogo nella nostra casa religiosa a Castel Sant’Elia l’annuale raduno dei confratelli della Provincia Italo - Svizzera. Sono stati giorni di lavoro, di condivisione e anche di programmazione del lavoro pastorale ed educativo. Non è mancato in questo percorso uno sguardo carico di speranza fiduciosa verso il futuro.

Nel primo giorno, 26 dicembre 2019 nella festa di Santo Stefano il Superiore Provinciale P. Raffaele Gadek ha conferito il ministero dell’accolitato al sem. Jarek Lechociński. Auguriamo di cuore al seminarista Jarek di proseguire nella preparazione spirituale e teologica in vista dell’ordinazione diaconale e presbiterale.

Nel secondo giorno 27 dicembre, Padre Stanisław Kilar Consigliere Generale ha tenuto una profonda riflessione sul tema: “Opera di Dio – P. Markiewicz e i tratti della sua eredità, una ricchezza per la Chiesa universale, consegnati tramite la Congregazione di San Michele”.

Un punto importante è stata la celebrazione della Santa Messa con il Vespro presieduta dai P. Marek Arciszewski e P. Adam Sitarz in occasione del loro 25° del sacerdozio.

L’incontro annuale si è concluso il 28 dicembre la mattina presto, per dare ai confratelli spazio di tempo sufficiente per poter ritornare alle loro comunità e alle loro case religiose. Buon lavoro e Buon Anno a tutti!

3003007
Today
Yesterday
This Week
This Month
470
457
2041
1535