12 settembre 2019

Oggi si festeggia presso il Santuario di Castel Sant’Elia,  la Patrona della Diocesi di Civita Castellana, Maria Santissima “ad Rupes”. Alla solenne concelebrazione nella Basilica di San Giuseppe, hanno partecipato un elevato numero di sacerdoti, tra i quali il neo Superiore Provinciale della Provincia italo-svizzera della Congregazione di San Michele Arcangelo Padre Raffaele Gadek.

Sua Ecc. Rev.ma Mons. Romano Rossi ha benedetto e ha incensato l’effigie miracolosa della Vergine Maria e guidato la processione per le vie di Castel Sant’Elia. Quest’anno, è stata realizzata la nuova struttura lignea della macchina, trasportata a spalla tra le vie cittadine dagli aderenti alle Confraternite dei Santi Protettori - San Anastasio e San Nonnoso - e quella della Madonna di Loreto. Il corpo bandistico musicale di Castel Sant’Elia ha eseguito brani musicali di accompagnamento.

È stata l’omelia del Vescovo della Diocesi Mons. Romano Rossi, a offrire ai fedeli intervenuti spunti di riflessione sulla solenne celebrazione.

Cosa vuol dire festeggiare il santo nome di Maria? Festeggiamo la relazione, il nome è relazione. Riscopriamo la relazione con un Dio che chiama per nome.  Anche all’altare tra gli sposi, ci si chiama per nome. Il nome è una chiamata.  Noi ci sentiamo chiamati? La relazione con Maria fa la differenza. Impariamo a riconoscere quella voce che ti chiama per nome. La fede è una storia con una chiamata ed una risposta. Quanti di noi imbarazzati davanti a Maria chiediamo una relazione, un incontro, una risposta ad una promessa, uno scambio di sguardi?  Vivo la relazione con uno scambio bilaterale? Come faccio a scoprire se Dio mi chiama? Si percepisce questa voce? Diventare cristiani significa imparare a riscoprire quella voce che tra tutte le voci ti vuole per sè.”

Un particolare ringraziamento, è stato elargito dal Vescovo ai presenti sindaci e alla sezione civitonica dell’UNITALSI ed ai sacerdoti intervenuti in maniera massiccia.

A conclusione, il rettore del Santuario Padre Stanislao Zurad ha espresso la sua profonda gratitudine per la partecipazione a tutti i presenti, nessuno escluso a questo importante appuntamento religioso per tutta la Diocesi.

Veglia Mariana - 13 Agosto (Ore 21.00)

Fra Giuseppe Andrea Rodio e l’esercizio delle sette Allegrezze di Maria

Il 13 agosto, come ogni mese al termine della veglia mariana in onore di Maria ad Rupes è stato presentato un opuscoletto per ricordare l’eremita fra Giuseppe Andrea Rodio.

Già dalla fine del XVII secolo, forse anche dei vostri antenati hanno elevato a Maria orazioni e suppliche, grazie all’eremita e primo custode della grotta Frà Andrea Giuseppe Rodio, del quale come sapete, si celebra quest’anno il bicentenario della sua scomparsa proprio qui a Castel Sant’Elia. Egli riposa a fianco all’altare della Madonna, quasi a venerarLa e custodirLa perpetuamente. Tutti hanno beneficiato della immensa valorizzazione del Santuario. Grazie alla sua fede e perseveranza, protetto dalla Madre Celeste, non ci sarebbe questo sagrato forse la stessa grotta e non saremmo tutti noi oggi qui. Non ci sarebbe stata la scalinata, che con uno scopo ben preciso Rodio ha scavato: consentire a tutti - peccatori e non - di accedere alla grotta per venerare l’immagine di Maria, diffondere oltre il possibile la fede ed il culto di Dio e di Maria Santissima delle Rupi, come ogni discepolo di Cristo. Come noi e prima di noi, i cittadini di Castel Sant’Elia e decine di milioni di fedeli negli anni hanno reso omaggio all’immagine miracolosa di Maria, patrona di questa diocesi. Non a caso, quest’anno il calendario annuale del Santuario offre spunti di riflessione grazie ai fedeli che prima di noi hanno chiesto alla Madre suppliche e protezione.

Nell’opuscolo che il Santuario ha stampato per tenere viva la memoria dell’eremita è descritta grazie agli appunti del suo padre confessore, la vita, la passione, la devozione e la fede che il frate ebbe come dono. Vi esorto a leggerlo, a diffonderlo, a meditarlo, perché in questo sunto risalta la purezza della sua vita eremitica, la passione nella fede e la perseveranza che, con l’aiuto del Signore tutto si può realizzare., proprio come testimoniano le opere la sua vita terrena. Inoltre le orazioni scritte dal frate sono inni di devozione alla Madre Celeste.

Per maggior informazione, fra Giuseppe Andrea Rodio nato povero, non ebbe nessun tipo di istruzione. Imparò tutto da solo. Ed ebbe come dono la grazia.

Il libretto realizzato è disponibile presso il Museo ex voto, situato nel sagrato antistante la Grotta della Madonna, o presso la portineria del Santuario. È anche disponibile previa richiesta, invio tramite posta ordinaria.

Vedi le foto: Fra Giuseppe Andrea Rodio e l’esercizio delle sette Allegrezze di Maria

CORPUS DOMINI E L’INFIORATA 2019 AL SANTUARIO MARIA SS.MA AD RUPES – CASTEL SANT’ELIA (VT)

La Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, comunemente nota con le espressioni latine Corpus Domini è una delle principali solennità dell’anno liturgico della Chiesa cattolica. Rievoca, in una circostanza liturgica meno carica, la liturgia della Messa nella Cena del Signore (Messa in Cena Domini) del Giovedì santo. La solennità cristiana universale fu istituita ad Orvieto da papa Urbano IV, con la bolla Transiturus dell’11 agosto 1264.

Invece, l’Infiorata è una caratteristica e “colorata” festa annuale che si svolge in moltissime località italiane nel giorno del Corpus Domini ed ha origini molto antiche.

Le strade vengono ricoperte di variopinti e profumati tappeti di petali di fiori, disposti in modo da raffigurare scene sacre e altri motivi ornamentali; su queste coltri colorate passano gli officianti durante la processione del Corpus Domini.

Le cronache storiche ci parlano delle origini delle Infiorate e fanno risalire l’inizio di questo evento artistico alla prima metà del XVII secolo come espressione della cosiddetta “Festa barocca”. Secondo una tradizione consolidata, si pensa che l’usanza di creare quadri per mezzo di fiori sia nata nella basilica vaticana ad opera di Benedetto Drei, responsabile della Floreria vaticana, e di suo figlio Pietro, i quali usarono “fiori frondati e minuzzati ad emulazione dell’opere del mosaico” il 29 giugno 1625, festa dei santi Pietro e Paolo, patroni di Roma. per realizzare uno splendido tappeto di fiori in cui venivano riprodotte immagini sacre e altri soggetti, davanti alle loro tombe.

Da quella data, lentamente la tradizione si diffuse in vari paesi e città, e oggi in molte località le rappresentazioni hanno raggiunto un notevole livello artistico.

L’Infiorata è il frutto di un lungo e laborioso lavoro, che inizia diversi mesi prima della data fissata per la sua realizzazione e vede come protagonista tutta la comunità in cui si svolge.

I gruppi si ritrovano per mettere a punto tutti i dettagli relativi al disegno, alla riproduzione in scala, alla raccolta dei fiori. Nei giorni che precedono la Festa del Corpus Domini il paese tutto è in fermento per la raccolta dei fiori e delle erbe (che poi devono essere selezionati, divisi per colore e tipo e conservati in luoghi umidi) e di altro materiale quale terra, segatura, fondi di caffè, semi, ecc. per ricoprire i disegni, abbozzati sull’asfalto.

La Domenica, di buon ora, si inizia la decorazione dei quadri e da quel labirinto di segni, mani esperte fanno nascere “l’armonia dei colori”.

Grazie di cuore a tutti che hanno collaborato nel Santuario per realizzare l’Infiorata 2019.

3000166
Today
Yesterday
This Week
This Month
299
468
3524
26911