CORPUS DOMINI E L’INFIORATA 2019 AL SANTUARIO MARIA SS.MA AD RUPES – CASTEL SANT’ELIA (VT)

La Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, comunemente nota con le espressioni latine Corpus Domini è una delle principali solennità dell’anno liturgico della Chiesa cattolica. Rievoca, in una circostanza liturgica meno carica, la liturgia della Messa nella Cena del Signore (Messa in Cena Domini) del Giovedì santo. La solennità cristiana universale fu istituita ad Orvieto da papa Urbano IV, con la bolla Transiturus dell’11 agosto 1264.

Invece, l’Infiorata è una caratteristica e “colorata” festa annuale che si svolge in moltissime località italiane nel giorno del Corpus Domini ed ha origini molto antiche.

Le strade vengono ricoperte di variopinti e profumati tappeti di petali di fiori, disposti in modo da raffigurare scene sacre e altri motivi ornamentali; su queste coltri colorate passano gli officianti durante la processione del Corpus Domini.

Le cronache storiche ci parlano delle origini delle Infiorate e fanno risalire l’inizio di questo evento artistico alla prima metà del XVII secolo come espressione della cosiddetta “Festa barocca”. Secondo una tradizione consolidata, si pensa che l’usanza di creare quadri per mezzo di fiori sia nata nella basilica vaticana ad opera di Benedetto Drei, responsabile della Floreria vaticana, e di suo figlio Pietro, i quali usarono “fiori frondati e minuzzati ad emulazione dell’opere del mosaico” il 29 giugno 1625, festa dei santi Pietro e Paolo, patroni di Roma. per realizzare uno splendido tappeto di fiori in cui venivano riprodotte immagini sacre e altri soggetti, davanti alle loro tombe.

Da quella data, lentamente la tradizione si diffuse in vari paesi e città, e oggi in molte località le rappresentazioni hanno raggiunto un notevole livello artistico.

L’Infiorata è il frutto di un lungo e laborioso lavoro, che inizia diversi mesi prima della data fissata per la sua realizzazione e vede come protagonista tutta la comunità in cui si svolge.

I gruppi si ritrovano per mettere a punto tutti i dettagli relativi al disegno, alla riproduzione in scala, alla raccolta dei fiori. Nei giorni che precedono la Festa del Corpus Domini il paese tutto è in fermento per la raccolta dei fiori e delle erbe (che poi devono essere selezionati, divisi per colore e tipo e conservati in luoghi umidi) e di altro materiale quale terra, segatura, fondi di caffè, semi, ecc. per ricoprire i disegni, abbozzati sull’asfalto.

La Domenica, di buon ora, si inizia la decorazione dei quadri e da quel labirinto di segni, mani esperte fanno nascere “l’armonia dei colori”.

Grazie di cuore a tutti che hanno collaborato nel Santuario per realizzare l’Infiorata 2019.

Visita del Segretario di Stato di Papa Francesco – Card. Pietro Parolin

Presso il Pontificio Santuario Maria SS.ma ad Rupes a Castel Sant’Elia in provincia di Viterbo, custodito dal 1982 dalla Congregazione dei Padri Micaeliti che festeggeranno tra due anni il centenario dell’approvazione canonica della Congregazione di San Michele Arcangelo fondata dal Beato Bronislao Markiewicz, milioni di pellegrini hanno varcato negli anni la soglia della scalinata dell’eremita Servo di Dio Fra’ Giuseppe Andrea Rodio da Locorondo, che conduce alla Grotta Santa, custode della sacra immagine di Maria. Tra questi, nel pomeriggio di domenica 16 giugno, ha reso omaggio e pregato Sua Eminenza Rev.ma Cardinale Pietro Parolin.

Il Segretario di Stato di Sua Santità Papa Francesco, insieme a S. E. Mons. Tymon Chmielecki Nunzio apostolico in Mali e Guinea, Padre Boguslaw Turek CSMA Sottosegretario della Congregazione delle cause dei santi ed al Rettore del Santuario Padre Stanislao Zurad, hanno condiviso un momento di preghiera ed intonato il Salve Regina in onore e gloria di Maria Santissima. Nella stessa Grotta a fianco all’altare, come a voler vigilare e rendere perpetua la devozione alla Madre Celeste, sono custodite le spoglie di Fra’ Giuseppe Andrea Rodio. Alto è stato l’interesse e la curiosità da parte del Cardinale Pietro Parolin nell’apprendere la vita dell’eremita, primo custode per ben 42 anni della Grotta Santa. Con fervore religioso, profonda devozione verso la Madre Celeste e da Ella ispirato, ha ideato e realizzato la scalinata che conduce alla Grotta Santa.

“Osservando oggi l’importanza e la risonanza raggiunte dal Santuario di Maria SS.ma ad Rupes in Castel Sant’Elia non possiamo ad ogni modo non ritenere l’operato di Frà Giuseppe Andrea Rodio simile all’evangelico grano di senape che produce l’immenso albero lussureggiante” (frase tratta dal libro di V. Aprile)

Alle ore 18 nella Basilica di San Giuseppe, si è celebrata la solenne Liturgia Eucaristica presieduta da S. E. Rev.ma Cardinale Pietro Parolin, concelebrata da S. E. Rev.ma Mons. Tymon Chmielecki e da S.E. Rev.ma Mons. Romano Rossi, Vescovo di Civita Castellana.

Alla celebrazione hanno partecipato i sacerdoti della Congregazione di San Michele Arcangelo, molti fedeli della Diocesi, i sindaci dei comuni di Castel Sant’Elia e Nepi, i rappresentanti delle autorità militari e di pubblica sicurezza e da Locorotondo, i familiari della Sig.ra Rodio. Il Padre Rettore del Santuario Stanislao Zurad ha rivolto a tutti i partecipanti parole di ringraziamento.

L’omelia è stata un momento di grande e profonda catechesi sulla SS.ma Trinità. “Mistero centrale della vita cristiana, sorgente di tutti gli altri misteri della fede. Amore che unisce, chi ama e chi è amato. L’unità di Dio somiglia alla unità della Famiglia. In questo Santuario Mariano siamo guidati dalla Santissima Vergine all’amore verso la SS.ma Trinità. Maria, colmata di Grazia, figlia amata dal Padre, Madre discepola del Figlio, tempio vivo dello Spirito.”

Passaggi significativi hanno sottolineato la devozione di fra Rodio verso la Madre di Dio, nel bicentenario della sua morte. Grande dono per questo Santuario.

“La festa della SS.ma Trinità ci ricorda che nessuno di noi può vivere da solo, chiuso in se stesso.”
Al termine della Concelebrazione Eucaristica, tutte le loro Eccellenze hanno salutato ed incoraggiato i Sindaci presenti: Arch. Vincenzo Girolami e Dott. Franco Vita.

Infine, un tributo alla “musica che porta alla preghiera”, come ha giustamente sottolineato il Nunzio Apostolico Mons. Tymon Chmielecki.

Un lungo, caloroso e profondo applauso alla magistrale esecuzione del Coro dell’Ensemble Vocale Doppiounisono diretto dal Maestro Lucio Roberti, per la esecuzione dei brani in polifonia eseguiti con altissimo livello.

©SC riproduzione riservata

 

Pagina 1 di 128

2529791
Today
Yesterday
This Week
This Month
56
740
5436
19760