“ TE DEUM LAUDAMUS! ” MESSA DI RINGRAZIAMENTO PER LA CANONIZZAZIONE DI GIOVANNI XXIII E GIOVANNI PAOLO II - 4 maggio 2014

Domenica 4 maggio alle 19.00, nella Basilica di san Giuseppe si è tenuta la Solenne Concelebrazione Eucaristica di Ringraziamento per la Canonizzazione di San Giovanni XXIII e di San Giovanni Paolo II, presieduta da Padre Boguslaw Turek, Sottosegretario alla Congregazione per le cause dei Santi, e animata dal gruppo musicale “Michael” composto dai seminaristi del nostro Santuario.

Molti i fedeli convenuti, tra i quali il Sindaco di Castel Sant’Elia Rodolfo Mazzolini, il Vice Sindaco Elvio Parmeggiani, ed alcuni rappresentanti della Giunta comunale. All’inizio della santa Messa ha preso la parola il Rettore p. Pietro Burek, per sottolineare la portata storica dell’evento che milioni di fedeli hanno vissuto il 27 aprile : “oggi vogliamo esprimere tutta la nostra gioia e la nostra gratitudine a Dio per il dono di questi due nuovi Santi e per tutto ciò che essi hanno operato in questa vita”. Poi il Rettore ha ricordato la visita di Giovanni XXIII al nostro Santuario nell’ottobre del 1924, quando lavorava alla Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli “Propaganda Fide”, ed anche la visita di Giovanni Paolo II il 1° maggio 1988. Poi ha aggiunto: “I sacerdoti concelebranti, presenti questa sera, hanno conosciuto San Giovanni Paolo II: p. Boguslao, che ha seguito tutto l’iter della sua beatificazione e canonizzazione e che lo ha incontrato in tante e diverse occasioni, p. Giorgio che, come Rettore, lo accolse il giorno della sua storica visita a questo santuario, Mons. Tymon, che il 26.5.1991 venne ordinato sacerdote proprio da Papa Giovanni Paolo II, e p. Stanislao, p. Teddy, p. Adam, p. Riccardo,…. ed anche io. Tutti noi abbiamo avuto la grazia di essere ricevuti in udienza privata ed anche di poter concelebrare con lui, stringergli la mano, parlargli. Ci sentiamo debitori verso Dio per quanto ci è stato donato per mezzo di questi due Papi Santi. Abbiamo avuto il grande privilegio di sfiorare la mano di un Santo la cui santità era visibile, un uomo in relazione e in comunione profonda con Dio, che si manifestava anche all’esterno…”.

Come riflessione per la Celebrazione Eucaristica, p. Pietro ha proposto la lettura dell’omelia che il Cardinale Angelo Comastri , Arciprete della Basilica Papale di San Pietro, aveva tenuto in piazza san Pietro la mattina del 28, durante la Messa di Ringraziamento per la canonizzazione di Giovanni Paolo II.

Molto bella l’esortazione di p. Boguslao che al temine della Celebrazione ha invitato tutti a sentirsi una “famiglia grande” e a seguire l’esempio dei due nuovi santi che “sono divenuti santi perché hanno vissuto il ministero petrino da santi”.

”I santi non sono eroi, ma umili peccatori che si lasciano santificare da Gesù” (Papa Francesco)

Marina SPINOSA

Omelia di S.E. Mons. Romano Rossi - Apertura del mese mariano - 1 maggio 2014

cover Omelia di S.E. Mons. Romano Rossi - Apertura del mese mariano - 1 maggio 2014

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

 

Inizio del mese di maggio - Messa solenne - 1 maggio 2014

E’ INIZIATO IL MESE DI MAGGIO!

Com’è gradevole l’atmosfera al nostro Santuario! Lo è tutto l’anno, ma in particolare a maggio, il mese dedicato alla Madonna. Lo sperimentano quotidianamente tanti pellegrini e lo hanno sperimentato i numerosi fedeli che giovedì 1° maggio di buon mattino sono stati accolti al nostro Santuario da una musica soave che li ha accompagnati lungo il percorso che conduce alla Grotta di Maria Santissima “ad Rupes”. Qui tutti si sono raccolti attorno alla Madre per pregare il santo Rosario delle 6.15, cantare le litanie Lauretane, guidate dal Seminarista Paolo all’organo, in attesa di partecipare alla santa Messa delle 6.45, presieduta dal nostro Vescovo Romano.

All’inizio della celebrazione ha preso la parola il Rettore, padre Pietro Burek, per rivolgere un caloroso saluto ed un ringraziamento a S.E. Monsignor Romano Rossi.

P. Pietro ha poi ricordato che “con la celebrazione odierna diamo inizio al mese mariano ma questa santa Messa vuole essere anche un atto di ringraziamento per il dono dei due nuovi Papi Santi. Tutt’e due hanno infatti sostato in preghiera in questa Grotta: San Giovanni XXIII il 27.10.1924, quando era lavorava alla Propaganda Fide, e San Giovanni Paolo II il 1° maggio 1988 quando venne in visita alla diocesi di Civita Castellana e da questa Grotta affidò a Maria Santissima ad Rupes tutto il popolo di Dio della nostra diocesi”.

Il Rettore ha infine rivolto un saluto al Sindaco di Castel Sant’Elia Rodolfo Mazzolini, ai sacerdoti concelebranti, ai religiosi e alle religiose presenti.

Nella sua omelia, Monsignor Romano ha sottolineato come, non trattandosi di una Solennità, la presenza di tanti fedeli fosse l’espressione di una “adesione affettuosa, oltre che credente. E’ un pellegrinaggio di carattere affettivo che vi porta qui da Maria, nostra Madre “.

E proprio su Maria come Madre, il nostro Vescovo ha voluto sviluppare la sua omelia: ”In alcune pagine del Vangelo, c’è un certo modo di interpretare la figura della Madre (da parte della gente), che Gesù non apprezza perché queste interpretazioni sono secondo la carne, secondo i capricci….La Madre avviene nel segno dell’ascolto della Parola e nell’obbedienza alla Parola, per questo è Madre. Perfettamente allineata alla traettoria del Figlio, sotto la Croce Maria è l’emblema della fede, piena consumazione del “SI’” davanti al Figlio che muore….; e la morte accettata del Figlio diventa grembo fecondo che genera vita, e Giovanni è il primo di questi figli”. Poi ha aggiunto:” Riconoscere Maria come Madre dunque è un atto di obbedienza al Figlio”, dal momento che Gesù stesso, rivolgendosi a Giovanni ai piedi della croce, così gli ha detto: “Ecco tua madre”. Ed infine Monsignor Romano ha sollecitato i presenti a ritornare con tutto il cuore all’obbedienza alla Parola del Vangelo, a vivere sulla strada della verità avendo “Maria come Madre, Dio come Padre e Gesù come fratello…riconoscendoci figli veri nella verità di questa vocazione…”

Prima della benedizione finale tutta l’assemblea ha recitato l’atto di affidamento a Maria Santissima “ad Rupes”.
In questo nostro Santuario anche quest’anno è dunque iniziato in maniera solenne il mese tradizionalmente dedicato alla Madonna, ora non ci resta che continuare ogni giorno la preghiera del santo Rosario tanto antica – è nata infatti intorno al XIII secolo in ambiente dominicano - eppure sempre nuova.

Siamo in tempo di Pasqua: sia allora nostra opzione quella di mettere il Risorto al primo posto nella nostra vita e, come ci ha indicato il nostro Vescovo Romano, ridare centralità all’ascolto e all’obbedienza alla Sua Parola di salvezza, a imitazione di nostra Madre Maria Santissima.
Buona preghiera e buon mese di maggio a tutti!

Marina SPINOSA
 

2172681
Today
Yesterday
This Week
This Month
1642
2357
16299
37608