Visita del Segretario di Stato di Papa Francesco – Card. Pietro Parolin

Presso il Pontificio Santuario Maria SS.ma ad Rupes a Castel Sant’Elia in provincia di Viterbo, custodito dal 1982 dalla Congregazione dei Padri Micaeliti che festeggeranno tra due anni il centenario dell’approvazione canonica della Congregazione di San Michele Arcangelo fondata dal Beato Bronislao Markiewicz, milioni di pellegrini hanno varcato negli anni la soglia della scalinata dell’eremita Servo di Dio Fra’ Giuseppe Andrea Rodio da Locorondo, che conduce alla Grotta Santa, custode della sacra immagine di Maria. Tra questi, nel pomeriggio di domenica 16 giugno, ha reso omaggio e pregato Sua Eminenza Rev.ma Cardinale Pietro Parolin.

Il Segretario di Stato di Sua Santità Papa Francesco, insieme a S. E. Mons. Tymon Chmielecki Nunzio apostolico in Mali e Guinea, Padre Boguslaw Turek CSMA Sottosegretario della Congregazione delle cause dei santi ed al Rettore del Santuario Padre Stanislao Zurad, hanno condiviso un momento di preghiera ed intonato il Salve Regina in onore e gloria di Maria Santissima. Nella stessa Grotta a fianco all’altare, come a voler vigilare e rendere perpetua la devozione alla Madre Celeste, sono custodite le spoglie di Fra’ Giuseppe Andrea Rodio. Alto è stato l’interesse e la curiosità da parte del Cardinale Pietro Parolin nell’apprendere la vita dell’eremita, primo custode per ben 42 anni della Grotta Santa. Con fervore religioso, profonda devozione verso la Madre Celeste e da Ella ispirato, ha ideato e realizzato la scalinata che conduce alla Grotta Santa.

“Osservando oggi l’importanza e la risonanza raggiunte dal Santuario di Maria SS.ma ad Rupes in Castel Sant’Elia non possiamo ad ogni modo non ritenere l’operato di Frà Giuseppe Andrea Rodio simile all’evangelico grano di senape che produce l’immenso albero lussureggiante” (frase tratta dal libro di V. Aprile)

Alle ore 18 nella Basilica di San Giuseppe, si è celebrata la solenne Liturgia Eucaristica presieduta da S. E. Rev.ma Cardinale Pietro Parolin, concelebrata da S. E. Rev.ma Mons. Tymon Chmielecki e da S.E. Rev.ma Mons. Romano Rossi, Vescovo di Civita Castellana.

Alla celebrazione hanno partecipato i sacerdoti della Congregazione di San Michele Arcangelo, molti fedeli della Diocesi, i sindaci dei comuni di Castel Sant’Elia e Nepi, i rappresentanti delle autorità militari e di pubblica sicurezza e da Locorotondo, i familiari della Sig.ra Rodio. Il Padre Rettore del Santuario Stanislao Zurad ha rivolto a tutti i partecipanti parole di ringraziamento.

L’omelia è stata un momento di grande e profonda catechesi sulla SS.ma Trinità. “Mistero centrale della vita cristiana, sorgente di tutti gli altri misteri della fede. Amore che unisce, chi ama e chi è amato. L’unità di Dio somiglia alla unità della Famiglia. In questo Santuario Mariano siamo guidati dalla Santissima Vergine all’amore verso la SS.ma Trinità. Maria, colmata di Grazia, figlia amata dal Padre, Madre discepola del Figlio, tempio vivo dello Spirito.”

Passaggi significativi hanno sottolineato la devozione di fra Rodio verso la Madre di Dio, nel bicentenario della sua morte. Grande dono per questo Santuario.

“La festa della SS.ma Trinità ci ricorda che nessuno di noi può vivere da solo, chiuso in se stesso.”
Al termine della Concelebrazione Eucaristica, tutte le loro Eccellenze hanno salutato ed incoraggiato i Sindaci presenti: Arch. Vincenzo Girolami e Dott. Franco Vita.

Infine, un tributo alla “musica che porta alla preghiera”, come ha giustamente sottolineato il Nunzio Apostolico Mons. Tymon Chmielecki.

Un lungo, caloroso e profondo applauso alla magistrale esecuzione del Coro dell’Ensemble Vocale Doppiounisono diretto dal Maestro Lucio Roberti, per la esecuzione dei brani in polifonia eseguiti con altissimo livello.

©SC riproduzione riservata

 

Notte dei Santuari

Il nostro Santuario, nella notte tra sabato 1 e domenica 2 giugno, ha partecipato all’iniziativa proposta dalla CEI: “La Notte dei Santuari”.

L’evento, alla sua prima edizione, ha voluto accendere una luce sul forte valore simbolico che i santuari hanno per la comunità cristiana e per l’umanità tutta. Come ci ha ricordato papa Francesco nella lettera Sanctuarium in Ecclesia: “i santuari in ogni parte del mondo restano segno peculiare della fede semplice e umile dei credenti, che qui sperimentano in modo profondo la vicinanza di Dio, la tenerezza della Vergine Maria e la compagnia dei santi: un’esperienza di vera spiritualità”.

Guidati dal Rettore, Padre Stanislao Zurad i fedeli hanno iniziato il percorso con momenti di meditazione e riflessione all’interno della Basilica Romanica.

Di seguito, alla luce di candela, tutti hanno percorso nel silenzio orante della valle Suppentonia la “ Strada dei Santi”, sentiero che collega la Basilica Romanica alla Grotta Santa, custode dell’immagine di Maria SS.ma ad Rupes. Per qualcuno, gradevoli ricordi di anni passati e momenti di intensa devozione nel cercare la fede. Il sentiero, da poco ripristinato, era il tracciato che si doveva obbligatoriamente seguire per raggiungere la Grotta Santa dal paese prima che Frà Rodio, nel 1796 concluse lo scavo della sua scalinata per agevolarne l’accesso.

“Il Signore è la luce che vince la notte!”

Nella Grotta della Madre Celeste infine, che accoglie e custodisce tutti e non si dimentica di nessuno, dopo aver tutti insieme recitato una preghiera, il novizio Felice ha condiviso con i presenti come il Signore lo ha chiamato e chiesto di seguirlo. La sua esperienza è stata per tutti motivo di riflessione sulla vocazione.
“Locus Lucis”

Pellegrinaggio a Piedi - 25 maggio 2019

La rugiada è benefica per la vegetazione.

All’alba di sabato 25 maggio, stille leggere, impercettibili gocce di rugiada sulla vegetazione hanno accompagnato il cammino delle persone che hanno partecipato al consueto pellegrinaggio mariano presso il Santuario di Maria SS.ma ad Rupes. Da Trevignano, Nepi, Civita Castellana, Castel Sant’Elia i pellegrini si sono messi in cammino già nella notte. Quest’anno poi, dopo parecchi anni di oblio e di abbandono, i pellegrini provenienti da Castel Sant’Elia hanno percorso la via dei Santi, un cammino che collega la Basilica romanica alla Grotta Santa del Santuario.

Frà Giuseppe Andrea Rodio, del quale ricorre quest’anno il bicentenario della sua chiamata al Padre, già nel 1777 migliorò e rese meno pericoloso il sentiero per permettere a tutti i fedeli di venerare l’immagine di Maria nella Grotta Santa. Oggi, si è reso nuovamente praticabile il percorso originale, che consente ai fedeli di adorare l’immagine della santa patrona della diocesi.

La celebrazione eucaristica è stata presieduta dal S.E. Mons. Romano Rossi e concelebrata da tutti i sacerdoti che hanno guidato i fedeli nel cammino. Nell’omelia, il Vescovo ha completato la Parola di Dio con una riflessione sulla figura di Bernadette e la Madonna di Lourdes. “Il Signore ha aperto una finestra attraverso Maria all’umanità. Un rivolo di acqua sgorgò a Lourdes. Acqua. Dono di vita, risposta ai bisogni di salvezza dell’uomo. Lui vive in noi, beati i piccoli che lo accoglieranno. La sete di tanti. Fiumi di acqua viva. Segno di vita piena che Lui ci dona.” Gocce di rugiada sul cammino verso Maria SS.ma ad Rupes. Acqua benefica per l’animo umano. Dono di vita.

Come sempre, da tutti è stato accolto l’invito del Rettore del Santuario Padre Stanislao di condividere una colazione comunitaria nel chiostro del Santuario. La nebbia piano piano si dissolve. Si medita e si riflette sull’acqua viva. “Lui è il pozzo. Chi ha sete venga a me”. La rugiada è benefica.

La notte dei Santuari - 1 giugno 2019

Pagina 1 di 49

2506606
Today
Yesterday
This Week
This Month
275
775
2511
23229